Alice e la Regina di Cuori

una lettura di un difficile processo consulenziale

Autori

  • Anna Teresa Laudanno

DOI:

https://doi.org/10.23823/jps.v2i1.37

Abstract

Viene qui presentata una consulenza individuale di quattro incontri, orientata secondo una prospettiva sistemico-relazionale in cui la paziente non è mai stata considerata disgiunta dal proprio sistema familiare di appartenenza. Inizialmente la richiesta di consulenza si orienta sulla gestione del conflitto in un rapporto sentimentale, ma ben presto nella vicenda clinica emergono elementi psicopatologici quali una forte impulsività, uno scarso autocontrollo, tendenze manipolatorie, la presenza di lutti non elaborati nonché fenomeni ideo-verbali di dubbia natura psicotica. Questi aspetti mettono il clinico in una situazione difficile da gestire. Come dialogare con una paziente che ti scruta in modo inquietante, che ti parla quasi urlando, che non accetta punti di vista diversi dai propri, che si agita spasmodicamente per la maggior parte della seduta e che mentre ti parla si rivolge a Dio e/o ai genitori morti? Il processo consulenziale si rivela molto difficile e si chiude con un drop out.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

##submission.downloads##

Pubblicato

2018-05-19

Come citare

Laudanno, A. T. (2018). Alice e la Regina di Cuori: una lettura di un difficile processo consulenziale. Journal of Psychosocial Systems, 2(1), 45-50. https://doi.org/10.23823/jps.v2i1.37

Fascicolo

Sezione

Casi clinici